Eccellenza in ORL

Eccellenza in ORL

Il Centro Businco si occupa delle patologie di orecchio, naso e gola, in adulti e bambini.

Attento al benessere dei pazienti, offre servizi di prevenzione e le più sofisticate e complete attrezzature diagnostiche che, unite all’indagine video endoscopica, con microtelecamere e ottiche di dimensioni pediatriche, individuano le patologie e le relative soluzioni.

DIAGNOSI: i nostri centri d’eccellenza ORL seguono rigidamente protocolli frutto di un ventennio di esperienza, aggiornamento e confronto internazionale ed hanno una dotazione completa e continuamente aggiornata di strumenti, anche endoscopici mini- invasivi, indispensabile per fornire una diagnosi completa, in grado di individuare tutte le possibili ostruzioni presenti contemporaneamente nel paziente e non solo le più evidenti. Questo permette di programmare la migliore terapia farmacologica e se necessario una soft Surgery in grado di risolvere in un solo complessivo intervento mininvasivo tutti gli aspetti emersi, riportando il paziente al massimo recupero possibile del benessere respiratorio ed evitandogli di essere presto
sottoposto ad una nuova operazione per quanto trascurato.

La sicurezza (del Paziente) prima di tutto! Sempre primi nella sicurezza. Il navigatore TC Fusion per chirurgia endoscopica immagini-guidata, strumento che solo i chirurghi più avveduti noleggiano per affrontare i casi più difficili, perché identifica le aree pericolose delle vie aeree e fornisce una mappa computerizzata che le fa evitare, è entrato a far parte della dotazione standard della sala del nostro centro di eccellenza, restando a disposizione di tutti i casi, tra i primi in Europa in ORL;
continuiamo ad investire mettendo al centro di tutto il paziente. Vogliamo sempre il Massimo nella mini-invasività.

LA SOFT SURGERY DEL PROF. LINO DI RIENZO BUSINCO, che può vantare un’esperienza personale di oltre 5.000 interventi chirurgici sull’orecchio naso e gola secondo le tecniche più moderne e Mini invasivi, gli interventi miniinvasivi hanno la finalità squisitamente funzionali e vengono eseguiti per via endoscopica selettiva, obiettivo finale il ripristino dei flussi respiratori fisiologici, ripristinando la via naturale.. L’uso di una speciale colonna endoscopica ORL con video-camera e luce Led ad Alta Definizione HD, (non generica ma solo per uso otorinolaringoiatrico, con specifiche ottiche di diversa angolazione e diametri), permette una visione fedele, chiara e dettagliata del campo operatorio, diversamente dalle videostrumentazioni ottiche non specializzate che tendono a rielaborare, deformare ed alterare i colori e la nitidezza dell’immagine acquisita per via endoscopica, non permettendo di distinguere bene il tessuto sano da quello infiammato. Conseguentemente l’impiego delle più moderne tecnologie operatorie miniaturizzate e mininvasive, spesso di uso pediatrico, rende possibile l’intervenire in modo selettivo ed a-traumatico, senza mai rovinare la mucosa nasale sana circostante, senza traumi e senza danno termico sia in adulti che bambini, evitando sanguinamenti, tamponi e punti di sutura, tipici delle tecniche precedentemente utilizzate.

L’ANESTESIA PRATICATA è anch’essa mininvasiva e prevede la somministrazione dei soli farmaci necessari all’anestesia per l’intervento, in corretta quantità al micro-grammo, attraverso la calibrazione endovenosa computerizzata e il monitoraggio continuo del reale assorbimento degli stessi, con bassissimo impatto sull’organismo del paziente (adulto e bambino) per un rapido recupero post operatorio, senza necessità di subire l’intubazione, senza i vecchi gas anestetici, evitando i fastidiosi postumi conseguenti all’anestesia Tradizionale (senza nausea, dolore, ecc).

 

LE SOLUZIONI PRATICHE

 

 TURBINATI: Si procederà alla riduzione del volume dei turbinati agendo (per evitare il danno termico) con radiofrequenze di terza generazione a bassa temperatura e con un apposito manipolo monouso (il DRB per lo shrinkage e rimodellamento selettivo e funzionale, specificatamente progettato e brevettato dal prof. Lino Di Rienzo Businco) sul tessuto molle patologico infiammatorio localizzato nella porzione interna e profonda dei turbinati stessi (preservandone quindi la delicata mucosa di rivestimento), attraverso un singolo sito di inserzione equivalente alla puntura di un ago; questo approccio mini invasivo, non prevede tamponi, permetterà di salvaguardare il tessuto funzionale e la mucosa nasale, fondamentale per la corretta umidificazione, riscaldamento, filtrazione e climatizzazione dell’aria inspirata. All’occorrenza con la stessa tecnica ma ancor più miniaturizzata (con micro-manipolo DRB MiTTO, specificatamente progettato e brevettato dal prof. Lino Di Rienzo Businco) sarà possibile rimodellare e ridurre anche i turbinati medi, posti nella porzione alta della cavità nasale e spesso responsabili del senso di ingombro nasale, cefalea e raffreddore cronico. Un nuovissimo palloncino oscillatorio “KOS” consente inoltre di ridurre la fastidiosa sensazione di rinite e secrezione nasale con trattamento ambulatoriale non chirurgico, basato su una semplice vibrazione endonasale.

• SENI PARANASALI: Si procederà al ripristino del flusso aereo del canale naturale che collega il naso con i seni paranasali (frontali e/o mascellari, sfenoidali e/o etmoidali) utilizzando la tecnica dilatativa mutuata ed importata dalle metodiche di angioplastica emodinamica attraverso il posizionamento ed il gonfiaggio di un apposito palloncino-balloon monouso completo di pompa di ultima generazione, e procedendo poi allo svuotamento e al lavaggio del contenuto infiammatorio dei seni facciali stessi, il tutto effettuato per via endoscopica senza tagli o sanguinamenti e senza demolizioni con ripristino della corretta ventilazione e salute della cavità paranasale. I balloon utilizzati vengono quindi sfilati e gettati via dopo l’uso, senza lasciare nulla all’interno del naso (nessuno stent, nessun palloncino)

• SETTO NASALE: Se presente deviazione o irregolarità della canalizzazione delle fosse nasali, si procederà alla concomitante regolarizzazione e rimodellamento delle selettive porzioni cartilaginee deviate sempre per via endoscopica e mininvasiva, limitando lo scollamento e lo smussamento esclusivamente alla singola ristretta area necessaria al ripristino dei regolari flussi, senza tamponi ne inutili traumi.

• POLIPOSI NASOSINUSALE: Se presente il tessuto polipoide verrà bonificato. L’uso della colonna endoscopica ORL e l’impiego dei più moderni microdebrider a rotazione 360° e a differenti angolazioni e diametri, per raggiungere tutte le sottosedi nasosinusali (all’occorrenza sotto controllo del navigatore) sino ad eliminare la radice origine del polipo, permettono di intervenire in modo selettivo ed atraumatico, senza mai rovinare la mucosa nasale sana circostante. Questo consentirà tra l’altro la massima efficacia dei farmaci ad azione preventiva sulle recidive utilizzabili nel periodo postoperatorio. L’approccio con questo tipo di strumentario consente di intervenire senza utilizzare tamponi nasali.

• TUBA DI EUSTACHIO: Si procederà prima alla riduzione della stenosi della apertura naturale retro-nasale della tuba, agendo, per evitare il danno termico, con radiofrequenze di terza generazione a bassa temperatura, e con un apposito manipolo monouso il DRB MiTTO, anch’esso specificatamente progettato e brevettato dal prof. Lino Di Rienzo Businco per agire sul tessuto molle della tuba stessa; contestualmente si procederà al ripristino del canale naturale della tuba di Eustachio attraverso la tecnica dilatativa di origine emodinamica di posizionamento e espansione di un apposito palloncino-balloon monouso per tuba (completo di pompa) di ultima generazione, il tutto per via endoscopica ultraselettiva, senza tagli, senza sanguinamenti e senza demolizioni; il balloon utilizzato viene quindi sfilato e gettato via dopo l’uso, senza lasciare nulla all’interno della tuba (nessuno stent, nessun palloncino). Questa procedura minimamente invasiva riporterà alla normale capacità di compensazione e ventilazione dell’orecchio medio e del timpano, contribuendo alla risoluzione della sensazione di ovattamento e i fastidiosissimi dolori ed otiti collegate.

• TONSILLE E ADENOIDI: l’intervento miniinvasivo che viene proposto è un intervento che azzera i rischi legati alla vecchia tecnica tradizionale di asportazione completa sia delle adenoidi che delle tonsille, la quale determina cosi la perdità totale della loro funzione. Ora sempre di più si usa la tecnica della riduzione volumetrica delle adeno-tonsillare mediante radiofrequenze, quella che utilizza il Prof. Di Rienzo Businco di 3 generazione supera alla larga quelle che di solito offre il mercato. Tale tecnica viene eseguita per mezzo della vaporizzazione prodotta con radiofrequenze a freddo, risparmiando l’organo adenoideo e tonsillare, di preziosa utilità in età pediatrica, procedendo a una ripulitura superficiale delle cripte-buchini tonsillari (resurfacing) ed ad un rimodellamento (di grado variabile a seconda della reali necessità del paziente e del suo spazio aereo valutato per via endoscopica) risolvendo in questo modo anche il russamento spesso collegato all’ostruzione da ingrossamento. Questa tecnica non prevede bisturi per tagliare i tessuti, non c’è sanguinamento, non servono punti di sutura, consentendo una ripresa con riduzione del dolore postoperatorio (per durata e intensità) e dei rischi, una riduzione del consumo di analgesici, nonché del numero di giorni persi di scuola (e/o di lavoro). Si parlerà solo di poche ore e non di giornate con alimentazione liquida (spesso non necessaria neanche questa). Tale procedura minimamente traumatica riduce il volume e porta a rapida guarigione. Inoltre eliminando la porzione linfatica adenotonsillare malata e preservando quella sana (come togliessimo la parte troppo matura e rovinata di una mela risparmiando quella restante del frutto sana) si consente il recupero della preziosa funzione Immunitaria riducendo gli episodi infettivi. Questa metodica non prevede bisturi per tagliare i tessuti, non c’è sanguinamento, non servono punti di sutura. Consente una notevolissima riduzione del dolore postoperatorio (per durata e intensità) e dei rischi, una riduzione del consumo di analgesici, nonché del numero di giorni perduti di scuola (e/o di lavoro). Si parlerà solo di poche ore e non di giornate con alimentazione liquida.

• CELLULE STAMINALI E FATTORI DI CRESCITA PIASTRINICI (PRP) Prof Lino Di Rienzo Businco primo in Europa a mettere a punto questa tecnica innovativa nella riparazione della membrana timpanica (perforazioni dovute a episodi di otiti o da trauma) rigenerazione cellulare per ipoacusia e acufeni, e di riparazione dei danni nasali, conseguenza di precedenti chirurgie tradizionali troppo aggressive (sindrome del naso vuoto-empty nose, perforazioni del setto nasale, asportazione- bruciature dei turbinati, abuso di cocaina) con l’impiego dei precursori delle cellule staminali e dei fattori di crescita piastrinici e adiposi. Tramite un piccolo prelievo semplice, attraverso un procedimento brevettato vengono estratti e concentrati poi successivamente posti in loco i quali riattivano e accelerano i processi di rigenerazione e riparazione dei tessuti sottostanti.

• RUSSAMENTO NOTTURNO E APNEE DEL SONNO (OSAS) Partendo da attente e avanzate analisi diagnostiche tra cui la valutazione dei flussi aerei e delle resistenze respiratorie, l’endoscopia delle vie aeree e la polisonnografia, (analisi multicanale computerizzata del sonno) individuiamo tutti i punti di ostruzione e rallentamento dei flussi che ne sono la causa. Solo intervenendo su tutti con tecnica endoscopica e metodiche micro-invasive a radiofrequenze di terza generazione, già esposte, si possono ripristinare i flussi respiratori e sgonfiare la mucosa senza traumi e senza danno termico sia in adulti che bambini, evitando dolorose incisioni esterne, sanguinamenti, tamponi e punti di sutura, e rischi tipici delle tecniche precedentemente utilizzate per trattare l’OSAS (bisturi a lama fredda, elettrobisturi, Laser, radiofrequenze di prima generazione). Le nuove metodiche risparmiano i tessuti sani preservano la funzione della mucosa con rapido ripristino delle normali attività quotidiane. I trattamenti di soft surgery più frequentemente necessari allo scopo sono sia tecniche di resurfacing che di infissione, che consentono una efficace e indolore riduzione del volume tissutale, e più specificamente la Uvulo-palatoplastica, l’eliminazione delle ostruzioni da deviazioni del setto, le ipertrofie dei Turbinati e della base linguale, i polipi nasali, le tonsille e le adenoidi e la riduzione dei prolassi del velo palatino e dell’ugola troppo allungate dalla cronicità della malattia. Sarà inoltre possibile, utilizzando queste metodiche a ridotta invasività associate tra loro, una alimentazione in pratica libera nel periodo postoperatorio.

• DISOSTRUZIONE DELLE VIE LACRIMALI (dacriocistorinostomia) La lacrimazione profusa (epifora) da ostruzione può essere risolta passando attarverso il naso dalla via naturale del dotto naso lacrimale il quale in questa patologia risulta ostruito. Tramite l’utilizzo delle fibre ottiche endoscopiche endonasali il un chirurgo otorino mininvasivo è in grado di poter drenare il dotto nasolacrimale seguendo il suo naturale decorso senza dover eseguire tagli o incisioni. In pochi minuti grazie alla luce di un laser a diodi e microstrumenti balloon che non danneggiano la delicata mucosa circostante, si evita l’intervento demolitivo esterno gravato da complicanze e recidive che è ancora eseguito con molti traumi, tagli , utilizzo di frese, suture e cicatrici esterne che esticamente possono impattare sul paziente.

I NOSTRI CENTRI DI ECCELLENZA:

CENTRO BUSINCO

Via Agrigento, 6
00161 ROMA

CLINICA DEL SANTO VOLTO

Piazza Tempio di Diana, 12
00153 ROMA

CLINICA MATER DEI

Via Antonio Bertoloni, 34 (Zona Parioli)
00197 ROMA

Prenota ora la tua visita

Orari

Da Lunedì al Giovedì
dalle ore 15 alle ore 19

CENTRO BUSINCO

Via Agrigento, 6 – 00161 Roma 
Tel  06 44 24 98 21
Ldirienzo@businco.net

Test ed Esami
Sidero Onlus 
FAQ

Articoli Recenti

LE SINUSITI NEL BAMBINO

I raffreddori frequenti e l’iperplasia adenoidea possono spesso determinare un ostacolo significativo alla ventilazione dei seni facciali con conseguenti manifestazioni di sinusite. Per quanto riguarda questo aspetto della patologia rinosinusale del bambino va...

PERCHE’ IL BAMBINO PUO’ AVERE SPESSO SANGUE DAL NASO

In genere perché è spesso raffreddato, ha prurito nasale con ostruzione e cerca di liberarsi il naso dal senso di chiusura e dalle crosticine con manovre improprie, abitualmente con le dita. La presenza di capillari fragili facilita l’epistassi, e tali varicosità sono...

L’OSTRUZIONE NASALE NEL BAMBINO

In genere i bambini, specie nei primi anni di vita, hanno problemi di respirarazione nasale perche si raffreddano con molta facilita`. Per l`eta`, la frequentazione dell`asilo e della scuola, per la stagione, vanno incontro spesso ad infezioni da rino e adeno-virus...

© Copyright – 2020 | Centro Businco | By Social Apes | All Rights Reserved | Cookie & Privacy Policy